Shardan Guesthouse Guide

Wanderguide by

Shardan Guesthouse

the Alghero guide of Shardan Guesthouse

Everything you want to know...

QR code
Use QR code to view online version
Powered by Travelade

Restaurant

Image - Aragon
Place
Aragon
Image - Quintilio
Place
Quintilio
A gift for you!

Limited offer

Gift from Shardan. Get a discount off all experiences!

Sign up now and get a discount off any experience of your choice.

Around

Image - Stintino
Place
Stintino
Shardan:Stintino città è caratteristica ed interessante da visitare, è piccola ma allo stesso tempo molto pittoresca con un bellissimo porto turistico. Il paese si stringe intorno alla Chiesa dell’Immacolata Concezione, l’unica del piccolo paese, caratterizzato da case basse e colorate tipiche del borgo marino. Da vedere anche i due porti Portu Mannu e Portu Minori, attrezzati entrambi per il turismo nautico. Da non perdere nelle immediata località limitrofa di Sassari, il Museo della Tonnara.
more
Image - Castelsardo
Place
Castelsardo
Shardan:Castelsardo è una delle sette città regie della Sardegna. Ha assunto il titolo di città nel 1448 per volere degli aragonesi, allora dominatori della Sardegna. Oggi conta circa 5.512 abitanti della Provincia di Sassari. Antico centro del nord-Sardegna, Castelsardo è uno dei più straordinari esempi di borgo medioevale, ancora estremamente curato e intatto nella sua struttura originaria. Il centro storico conserva praticamente intatti tutti gli edifici di un tempo, compreso lo straordinario castello, costruito proprio in cima alla collina. Arroccata su un promontorio vulcanico che domina il Golfo dell'Asinara, Castelsardo ha cambiato nome più volte nel corso della sua storia. Venne fondato nel 1102 dalla nobile famiglia genovese dei Doria, che la chiamò Castelgenovese, nome che mantenne fino al 1448 quando, dopo la conquista spagnola, divenne Castelaragonese. Solo nel 1776 assunse il nome attuale. A dominare il panorama è il castello, che ospita un museo dedicato all'arte dell'intreccio, mentre sul mare si affaccia la cattedrale di Sant'Antonio Abate. La mostra allestita nel castello, costruito tra il XII e il XIV secolo, è composta da diversi ambienti in cui sono esposti oggetti intrecciati realizzati con i vari materiali della tradizione: palma, asfodelo, giunco. Dalle terrazze il panorama è aperto sul golfo dell'Asinara con, sullo sfondo, nelle giornate limpide, i monti della Corsica. Di grande interesse culturale anche la Cattedrale di Sant'Antonio Abate. Costruita nel Seicento sulla struttura di una precedente chiesa romanica, è sormontata da un campanile che termina in un tetto coperto da maioliche colorate: uno splendido colpo d'occhio con lo sfondo del mare. L'interno della chiesa è caratterizzato da un importante arredo ligneo risalente al XVI secolo. Di particolare interesse l'opera “Madonna in trono con Bambino e angeli”, risalente al XV secolo e parte di un retablo, ormai smembrato, realizzato dal pittore noto come “Maestro di Castelsardo”. Proprio a questo artista è dedicato il museo Diocesano ospitato negli ambienti ipogei, scoperti recentemente, sotto la stessa Cattedrale.
more
Image - Bosa
Place
Bosa
Image - Sassari
Place
Sassari
Image - Asinara
Place
Asinara
Image - Lu Bagnu
Place
Lu Bagnu

Sea

Image - Spiaggia di Maria Pia
Place
Spiaggia di Maria Pia
Shardan:Opinione condivisa è che Alghero, con il suo lido, le sue spiagge, i suoi fondali, il suo centro storico, sia una delle mete ideali per trascorrere le vacanze in Sardegna. Tra le tante spiagge del litorale, che si estende per circa 75 km, da non perdere è la Spiaggia Maria Pia: una delle più belle della “riviera del corallo”. La spiaggia si trova alla fine dell’arenile, che inizia con la spiaggia San Giovanni ed attraversa il Lido Novelli fino ad arrivare a Fertilia. La caratteristica pineta, impiantata circa 60 anni fa, offre non solo riparo dal caldo eccessivo e dal vento che soffia raramente, ma anche opportunità di allenamento all’aria aperta ed occasioni uniche per ammirare spettacolari tramonti. Le dune di sabbia bianca e fine sono il fiore all’occhiello di questa meravigliosa spiaggia e demarcano la fine della pineta. La sabbia, quasi impalpabile, crea un paesaggio unico di straordinari colori. Il fondale, che degrada dolcemente, è sabbioso e diventa profondo dopo qualche metro offrendo non solo la possibilità di lunghe e piacevoli passeggiate ma soprattutto sicuri giochi in acqua per i bambini. Il mare, straordinariamente cristallino, ha colori che spaziano dal verde al azzurro ed acque calme prive di grossi pericoli di correnti sottomarine; raramente, infatti la zona è battuta dal vento. Pur essendo molto affollata durante il periodo estivo, la Spiaggia Maria Pia offre comunque occasioni uniche per vivere una vacanza al mare in famiglia all’insegna della tranquillità e del relax. Servizi: Bar, ristorante, noleggio sdraio e ombrelloni e negozi vari. Come arrivare: Si può arrivare facilmente dal centro storico di Alghero, sia in macchina, in bicicletta o con il bus, e per i più avventurosi anche con una lunga ma gradevole passeggiata! Da Alghero dirigersi verso Fertilia, dopo 2 km circa inizia la Spiaggia Maria Pia. Per raggiungere la spiaggia è necessario attraversare le pineta.
more
Image - Poglina
Place
Poglina
Shardan:Si trova a circa 8 Km da Alghero e la strada che si percorre per raggiungerla,abbastanza veloce, permette di godere di un panorama marino mozzafiato. La spiaggia è abbastanza profonda e assai frequentata per il mare limpido e cristallino.
more
Image - Cala Dragunara
Place
Cala Dragunara
Shardan:La spiaggia di Dragunara è dominata dall'imponente promontorio di Capo Caccia, che chiude ad ovest il golfo di Porto Conte. È ricoperta da una sottile sabbia dorata. In un certo tratto Il mare, particolarmente limpido e terso, presenta belle gradazioni che variano dall'azzurro al verde smeraldo. sono presenti inoltre numerosi anfratti.
more
Image - Spiaggia di Mugoni
Place
Spiaggia di Mugoni
Shardan:Un paradiso di tranquillità fatto di sabbia chiara e morbida e di mare cristallino, quasi completamente chiuso e riparato nella baia di Porto Conte, nella parte nord-occidentale della Sardegna. Una distesa di sabbia dalle tonalità varianti da ocra ad arancio, lunga due chilometri, alle spalle un bosco di pini ed eucalipti, dove ripararti dal sole, di fronte acque color smeraldo particolarmente calme, grazie alla posizione che garantisce riparo costante. Uno scenario in cui spiaggia, mare e natura si fondono, disegnando una scenografia da paradiso tropicale. Mugoni è una delle attrazioni della Riviera del Corallo, nel territorio di Alghero, da cui dista 16 chilometri. La spiaggia è un’insenatura nell’ampia baia di Porto Conte, all’interno del parco regionale omonimo che include anche l’area marina di Capo Caccia. È molto frequentata, attrezzata con strutture balneari, noleggio imbarcazioni, centro immersioni, bar, ristoranti, ampio parcheggio, in cui sostano anche camper e area camping. Inoltre, è accessibile a diversamente abili, è ideale per famiglie con bambini ed è meta di appassionati di windsurf e surf da tavola. Per godersi appieno la visita alla baia – che i Romani avevano definito nymphaeus portus – potrai muoverti a piedi o in bici attraverso centinaia di sentieri, lasciandoti avvolgere da profumi della natura e suggestione della storia. Lungo la spiaggia si aprono calette isolate, tra cui la seconda spiaggia di Mugoni, La Stalla, e si incontrano tesori archeologici.
more

Things to do

Image - Grotte di Nettuno - Alghero
Place
Grotte di Nettuno - Alghero
Shardan:CAPO CACCIA - GROTTA DI NETTUNO Seguendo la litoranea che da Alghero passa per Fertilia e proseguendo lungo la SP 127/bis che,con vista sulla baia di Porto Conte, percorre tutta la fascia costiera del lungo promontorio, si arriva, dopo circa 24 km, allo sperone roccioso di Capo Caccia. Al promontorio si può arrivare anche con una escursione a piedi di circa 3 ore partendo dal nucleo abitato di Tramariglio. Alto 168 m si innalza verso sud, chiudendo a ovest la profonda insenatura di Porto Conte. Di sicuro una delle aree più interessanti della Sardegna dal punto di vista naturalistico, per la sua flora, per la sua fauna e perché ospita nel distretto sottomarino un gran numero di grotte sommerse di notevole interesse. Il nome del promontorio deriva probabilmente dalle abbondanti battute venatorie permesse dal gran numero di piccioni selvatici che lo abitavano. La geologia complessa e tracce di una presenza umana risalente a oltre dodicimila anni fa cotribuiscono al fascino del luogo. Scalinata Grotte di Nettuno Sotto lo sperone di Capo Caccia si trova la Grotta di Nettuno. La si raggiunge a piedi dalla sommità dello stesso promontorio scendendo lungo l'Escala del Cabirol (scala del capriolo), una scalinata panoramica di 656 gradini. Alla grotta si arriva anche via mare, in circa un'ora con un imbarcazione che parte da Alghero, o più vicino da Cala Dragunara, consentendo di osservare dal mare l’area marina protetta. Si costeggia infatti prima le scogliere di Capo Galera e di Punta Giglio, doppiando quindi la Punta del Capo Caccia. Si sbarca direttamente all'ingresso della grotta, posto alla base dell'altissima falesia proprio di fronte all'isola Foradada. Il percorso all'interno della grotta è di circa 580 metri. La parte iniziale della grotta è occupata dal Lago Lamarmora, dalle acque straordinariamente limpide. Grotte di Nettuno Al centro del lago è presente una colonna stalagmitica alta un paio di metri, detta l'Acquasantiera perché sulla sommità sono presenti alcune vaschette in cui si raccoglie un pò di acqua dolce. Tramite una breve discesa si arriva alla Sala delle Rovine, ornata di grandi stalattiti, per e poi si raggiungere la sala centrale, detta Sala della Reggia, da dove si vedono al centro grandi colonne calcitiche che si innalzano per 9 metri. Subito dopo la volta raggiunge i 56 metri di altezza, e si vedono grandi colate a canne d'organo, e la colonna stalagmitica chiamata l'Albero di Natale. Il Lago Lamarmora termina con una spiaggetta sabbiosa chiamata spiaggia “dei Ciottolini” perché formata un tempo da sassolini. Dalla Reggia si arriva in salita alla Sala Smith, dal nome di un capitano inglese che agli inizi dell'800 iniziò l'esplorazione della grotta, con al centro il cosiddetto Grande Organo, un'enorme e imponente colonna larga 50 metri per 4 ed alta 49 metri, la più grande della grotta. Lungo la parete opposta il soffitto diviene più basso e si entra nella Sala delle Trine e dei Merletti. Si arriva infine alla cosiddetta Tribuna della Musica, una balconata da dove ci si può affacciare sulla Reggia e sul Lago Lamarmora. ORARIO D'INGRESSO Tutti i giorni 8:00 - 9:00 - 10:00 - 11:00 - 12:00 - 13:00 - 14:00 - 15:00 - 16:00 - 17:00 - 18:00 - 19:00 Per informazioni rivolgersi allo 079.979054
more

My Recommendations

Wanderguide map

  1. Fogo Churrascaria
  2. Il Pesce D'oro
  3. Aragon
  4. Quintilio
  5. Stintino
  6. Castelsardo
  7. Bosa
  8. Sassari
  9. Asinara
  10. Spiaggia La Pelosa
  11. Spiaggia di Rena Majore della Nurra
  12. Spiaggia di Balai
  13. Lu Bagnu
  14. Spiaggia di Maria Pia
  15. Poglina
  16. Cala Dragunara
  17. Spiaggia di Mugoni
  18. Bombarde Beach
  19. Spiaggia di Porto Ferro
  20. Spiaggia del Lazzaretto
  21. Torre del Porticciolo
  22. Grotte di Nettuno - Alghero
  23. Centro storico di Alghero
  24. Nuraghe Palmavera
  25. Necropolis of Anghelu Ruju
  26. Museo del Corallo di Alghero
  27. Via ferrata del Cabirol
  28. Regional Natural Park of Porto Conte
  29. Gite Asinara - Escursioni in barca e Pescaturismo con Blumare Service

Like these tips?
High Five Shardan